News n.21 del 31 gennaio 2014

NEWS 21 Sommario imu-Bankitalia: Pubblicata la legge di conversione sul S.O del 29 gennaio : Con un comunicato datato 30 gennaio,  2) il Dipartimento della funzione pubblica ha reso noto di aver unificato la gestione degli adempimenti a carico delle P.A. mediante il sistema integrato “PERLA PA”. Il sistema è stato integrato per ricevere le comunicazioni relative ad alcuni degli adempimenti previsti dalla legge 190 del 2012, tenuto conto delle indicazioni contenute nel Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.) approvato l’11 settembre 2013. Continua a leggere

IMU MINI IMU – Conversione in legge

Su Gazzetta Ufficiale 20140129_023      CONVERTITO IL DECRETO IMU-BANKITALIA: IL TESTO COORDINATO IN GAZZETTA

Per l’anno 2013 non è dovuta la seconda rata dell’imposta municipale propria di cui all’articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214.
È quanto prevede il Decreto Legge 30 novembre 2013, n. 133 convertito con la legge 29 gennaio 2014, n. 5 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 29 gennaio 2014, n. 23. Continua a leggere

News n.20 del 30 Gennaio 2014

NEWS DEL GAUDENS 20Sommario  decreto Imu-Bankitalia dopo l’applicazione della “ghigliottina” da parte della Boldrini. I.U.C.: uffici alle prese con i nuovi regolamenti di Stefania Zammarchi Funzionario del Comune di Bellaria-Igea Marina (RN), dottore commercialista, revisore ente locale TARES E MINI IMU. Cosa fare in caso di mancato pagamento TARES E MINI IMU.  Corte Conti Liguria Nell’incertezza sull’estensione degli incentivi a tutti gli atti di pianficazione, Corte conti Liguria rinvia alle Sezioni Riunite, Continua a leggere

Bilancio 2014 – Atti convegno ANCI

finan2014

notabilancio2014-04

iuc-09

notabilancio2014-03

il 21  Gennaio 2014 anci Toscana ha organizzato il tradizionale incontro formativo fra amministratori, funzionari e dirigenti, esperti della pubblica amministrazione locale sulla Finanziaria.Giunto alla XIV edizione e realizzato in collaborazione con ANCI e con il contributo di IFEL e della Regione Toscana sono state approfondite le novità in tema di provvedimenti governativi ed esaminati gli effetti sui bilanci, offrendo alle amministrazioni comunali un sostegno diretto nell’applicazione della normativa e nelle scelte di politica economica. I DOCUMENTI

Legge stabilita’ – Lettura dei commercialisti

legge-di-stabilita-per-gli-enti-locali-doc-commercialisti

LA LETTURA DEI COMMERCIALISTI SULLA LEGGE DI STABILITÀ PER GLI ENTI LOCALI

L’osservatorio enti locali dell’istituto di ricerca dei dottori commercialisti ed esperti contabili ha elaborato un approfondimento sulle disposizioni di fine anno di interesse per le amministrazioni locali: dalle modifiche alla disciplina del patto di stabilità interno alle disposizioni relative al riequilibrio finanziario.
L’Irdcec, Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, ha predisposto una nota di lettura sulla legge di stabilità per il 2014, con particolare riferimento alle disposizioni degli enti locali.
La sua consultazione è interessante perché vi si trovano le disposizioni di cui alla legge n. 147/2013 correlate con quanto previsto anche dal Milleproroghe – che in alcuni casi ha modificato quanto stabilito nella legge di stabilità – e nel decreto cosiddetto “Salva Roma”. Toccati i seguenti punti:
Modifiche alla disciplina del Patto di stabilità interno.
Revisione dei contratti di locazione e annullamento dei contratti troppo onerosi.
Rinvio dell’obbligo di esercizio in forma associata delle funzioni fondamentali per i Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti.
Disposizioni per le società partecipate dagli enti locali.
Disposizioni relative ai piani di riequilibrio finanziario.

Disegno di legge DEL RIO – Commento e critiche

ddl del rio commento Un interessante commento da www.federalismi.it SUI PIÙ EVIDENTI PROFILI DI POSSIBILE ILLEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE DEL D.D.L. AS N. 1212 (DISPOSIZIONI SULLE CITTÀ METROPOLITANE, SULLE PROVINCE, SULLE UNIONI E FUSIONI DI COMUNI)

Marcello Cecchetti

(Professore ordinario di Istituzioni di diritto pubblico Università di Sassari)

29 gennaio 2014

Sommario: 1. Premessa di metodo. – 2. L’istituzione delle Città metropolitane con contestuale sostituzione/soppressione delle Province preesistenti. – 2.1. Il problema della competenza statale e della fonte utilizzabile per l’istituzione delle Città metropolitane. – 2.2. Analisi puntuale dei profili di possibile illegittimità costituzionale dei tre modelli istitutivi delle Città metropolitane disciplinati dal d.d.l. AS n. 1212. – 2.2.1. Il modello previsto per le Regioni speciali. – 2.2.2. Il modello della istituzione diretta delle Città metropolitane ad opera della legge in esame. – 2.2.3. Il modello della istituzione di ulteriori Città metropolitane nelle Regioni di diritto comune. – 3. La forma di governo delle nuove Città metropolitane

NEWS N.18 DEL 28 GENNAIO 2014

18 gaudens

Sommario: Attualità: Si avvicina il 31 gennaio ; promemoria e in coda uno schema di regolamento e deliberazione per incompatibilità dei dipendenti ; Novità Legislative: Proroga CUC, Nuovo ISEE Dottrina: Rilevante anche ai fini dell’anticorruzione articolo su offerte economicamente più vantaggiose ; Prassi: la “ Casa comunale “ ai fini della celebrazione del Matrimonio

News n.17 del 27 gennaio 2014

NEWS 17Sommario: Attualità: continua la confusione in materia di Tributi e qualcuno propone di andare ad approvare il Bilancio con una disciplina provvisoria della IUC; continua anche la confusione per gli adempimenti in materia di trasparenza e  adempimenti legati al sistema AVCPASS ( proroghe e conferme); Slitta anche la centrale unica di Committenza; Continua a leggere

Legge elettorale – Il testo di Italicum

Testo-Legge-elettorale-presentato-Commissione Dal Sole 24 Ore – Premio di maggioranza del 18% a chi ottiene «almeno il 35% di voti validi del totale nazionale». In questo modo, il vincitore ottiene un totale di 340 seggi alla Camera. Se nessuno ottiene il 35%, si va al doppio turno (non sono consentiti apparentamenti in vista del ballottaggio). Stop alle candidature multiple. Compaiono norme per la tutela delle minoranze linguistiche e restano i seggi per i candidati eletti all’estero. Sono queste alcune delle soluzioni previste dal testo base della riforma elettorale, depositato dal presidente e relatore Francesco Paolo Sisto in commissione Affari costituzionali.

 

Elezioni – Circolare Ministero Interno n.4 del 16 gennaio 2014

CIRCOLARE MINISTERO DELL’INTERNO SULLE MODIFICHE PROCEDIMENTI ELETTORALI

circolare-interno-16-gennaio-2014-n-4-elettorale

Nella circolare n. 4/2014, il ministero dell’Interno ricorda le modalità di svolgimento delle consultazioni elettorali alla luce delle modifiche legislative in materia apportate da ultimo dalla legge n. 147/2013.

Si vota in un solo giorno, dalle 7 alle 23
Totale soppressione della propaganda indiretta e diminuzione degli spazi per la propaganda diretta attraverso le affissioni (
I presidenti di seggio saranno nominati presso sezioni del Comune di residenza degli stessi, per risparmiare le spese di missione.

Sono solo alcune delle novità in materia di procedimento elettorale che il Viminale ha riunito nella circolare 16 gennaio 2014 n. 4 contenente le indicazioni utili all’organizzazione della tornata elettorale alla luce delle modifiche apportate alla disciplina dalla legge di stabilità 2014, articolo 1, commi da 398 a 401.

News n.15 del 22 Gennaio

News 15

Sommario  Attualità Entro il 24 Febbraio Relazione di fine mandato  – Una traccia per la premessa – Piano triennale Trasparenza – Una traccia Corte conti  – Biancardi – Il recente contributo della Corte dei conti, sez. regionale di controllo per il Piemonte, deliberazione 7.11.2013, n. 379, consente di chiarire la corretta portata applicativa del divieto di elargire contributi agli enti di diritto privato. La Corte ha, infatti precisato che detto divieto non riguarda le associazioni che svolgono attività per la cittadinanza. Giurisprudenza CONSIGLIO DI STATO SEZ. V, sentenza 28-5-2010, (sulla legittimità o meno dell’affidamento diretto e senza gara, in favore di un avvocato, di un incarico professionale di consulenza legale di durata annuale, a supporto dello svolgimento delle ordinarie attività amministrative dell’ente) Con commento tratto da Lexitalia . Scadenziario

News n.14 del 21 gennaio

NEWS 14 Sommario Attualità – FAQ del MEF su TARES: TARES Maggiorazione Tares: F24, scadenze e sanzioni La scheda della CGIA di Mestre; TARES casi pratici Le modifiche alla disciplina dell’arbitrato nei contratti pubblici; ANAC Cambiano indirizzi CORTE CONTI DELIBERAZIONE N. 7/2014 Applicazione art 9, comma 2 bis DL 78/2010 in particolare con riferimento alle modalità di riduzione proporzionale del tetto 2010, trattamento accessorio del personale. Le SR hanno evidenziato che la ratio della disciplina induce a ritenere che detto limite si applichi con riferimento ai compensi idonei a confluire nei fondi unici per la contrattazione decentrata Continua a leggere

MINI IMU E TARES – FAQ MINISTERO

Aggiornate FAQ_MiniIMU_e_Maggiorazione_TARES_-_20_1_2014_def       a pochi giorni dalla scadenza del 24 gennaio. Si forniscono chiarimenti in merito all’esenzione per gli alloggi sociali, per l’abitazione principale se parzialmente locata e per immobili posseduti da coniugi separti. Si precisa anche quale rendita da prendere a riferimento per il calcolo (1 gennaio 2013). Si precisa, infine, che non saranno dovute sanzioni ed interessi nel caso in cui i bollettini con il calcolo della maggiorazione TARES non arrivino in tempo per procedere al versamento. Si potrà comunque utilizzare, negli altri casi, lo strumento del ravvedimento operoso.

Elezioni – Relazione fine mandato

a norma degli articoli 2, 17 e 26 della legge 5 maggio 2009, n. 42, un altro adempimento incombe. La relazione dovrà essere redatta sulla base degli schemi del 2013-05–decreti-interministeriale-fine-mandato

 I tempi incalzano: dal momento che La relazione di fine m andato, redatta dal responsabile del servizio finanziario o dal segretario generale, è sottoscritta dal presidente della provincia o dal sindaco non oltre il novantesimo giorno antecedente la data di scadenza del mandato. Entro e non oltre dieci giorni dopo la sottoscrizione della relazione, essa deve risultare certificata dall’organo di revisione dell’ente locale e, nello stesso termine, trasmessa al Tavolo tecnico interistituzionale, se insediato, istituito presso la Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica, composto pariteticamente da rappresentanti ministeriali e degli enti locali.  Continua a leggere

New n.13 del 20 gennaio

NEWS DEL GAUDENS N.13-1Sommario Mini Imu, ecco come pagare con modello F24 o bollettino postale; Richiesta degli spazi finanziari di cui  necessitano i comuni, le province e le regioni per sostenere i pagamenti, in deroga ai vincoli del patto di stabilità interno 2014, di debiti in conto capitale certi, liquidi ed esigibili alla data del 31 dicembre 2012, di debiti in conto capitale per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il predetto termine ;Norme commentate Patto
Continua a leggere

MINI IMU – la scadenza

 Mini Imu, ecco come pagare con modello F24 o bollettino postale

tratto da

La mini Imu può essere pagata, entro il 24 gennaio 2014, tramite modello F24 o con un bollettino postale. Di seguito proponiamo ai nostri lettori alcune informazioni utili al versamento con l’impiego dei due sistemi.
Ricordiamo che il calcolo dell’importo della mini Imu va effettuato direttamente dal contribuente. Non arriverà a casa nessun avviso o bollettino. Per leggere un esempio pratico di calcolo della mini Imu dovuta leggi il post “Calcolo mini Imu 2014: ecco come fare. Un esempio pratico”. Continua a leggere

Segretario comunale dibattito su proposte DDL Unioni

PROPOSTA VIGHENZI ( e non solo) “5-ter. Al segretario dell’unione di comuni si applica l’art. 97 del dlgs.267/2000 come modificato dal comma successivo. Sono fatti salvi gli incarichi per le funzioni di segretario già affidati, anche ai sensi del comma 557 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, in data anteriore a quella di approvazione delle presente legge. Ai segretari delle unioni di comuni iscritti all’Albo dei segretari comunali e provinciali si applicano le disposizioni del Tit IV capo II del Dlgs.267/2000 e successive modificazioni e integrazioni. Continua a leggere

News n.12 del 17 gennaio

SOMMARIO ATTUALITA’ Mini Imu 2014, ecco chi paga: prime case, terreni e gli altri casi Saccomanni in audizione alla Camera: “la mini Imu è equa”; DDL Delrio ;Personale – Nuove detrazioni ;Personale possibilità di autorizzare un dipendente con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato ad intraprendere un’attività esercitata nella forma di ditta individuale. Ufficio Studio FVG2 Continua a leggere

Mini IMU – Ultimi aggiornamenti

MINI – IMU: un riepilogo dell’adempimento che scade il prossimo 24 gennaio.
Il prossimo 24 gennaio scade il termine per il versamento della cosiddetta mini-Imu per le abitazioni principali. In sostanza, il versamento riguarda le unità immobiliari  adibite  ad  abitazione  principale e ad esse equiparate – non appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 o A/9 – ed i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori  agricoli professionali. Il tributo si pagherà solo nei comuni in cui per il 2013 è stata deliberata un’aliquota per l’abitazione principale superiore allo 0,4%. Si ricorda che se nel 2013 non è stata adottata nessuna delibera bisogna attenersi a quella del 2012. Continua a leggere

Società partecipate – Parere Corte conti Liguria su limiti spesa

Deliberazione n. 1 – 2014

PARERE N. 1/2014 Corte conti Liguria su comma 557 articolo 1 della legge di stabilità le società che gestiscono servizi pubblici locali a rilevanza economica sono escluse dall’applicazione diretta dei vincoli previsti dal presente articolo. Per queste società, l’ente controllante, nell’esercizio delle prerogative e dei poteri di controllo, stabilisce modalità e applicazione dei citati vincoli assunzionali e di contenimento delle politiche retributive, che verranno adottate con propri provvedimenti>….

News n.11 del 16 gennaio

news 11

Sommario Attualità Caos Tares, bollettini pazzi e file interminabili. Comuni in ordine sparso ;Partecipate: più tempo per le pubblicazioni; Ultrattività delle norme sulla qualificazione nelle sios: e se il d.l. 151/13 non viene convertito?F. Botteon (www.appaltiecontratti.it 14/1/2014) La legge di stabilità per il  2014 (n. 147 del 27 dicembre 2013 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”) è intervenuta in maniera rilevante  nella ambito della normativa per lo svolgimento delle elezioni, al fine di realizzare una notevole riduzione dei costi, prevista per il 2014  in 100 milioni di euro, ridotti dallo stanziamento del fondo iscritto nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per le elezioni politiche, amministrative, del parlamento europeo e dei referendum Continua a leggere

Societa’ partecipate – Più tempo per la pubblicazione delle relazioni

PARTECIPATE, PIÙ TEMPO PER LA RELAZIONE SUI MODELLI.
L’estensione dei termini entro cui vanno pubblicate le relazioni attestanti la conformità dei modelli di affidamento dei servizi pubblici locali all’ordinamento comunitario riguarda solo i servizi a rete, escludendo quelli affidati da singoli Comuni.L’articolo 34, comma 21, della legge 221/2012prevedeva che entro il 31 dicembre 2013 gli enti affidanti i servizi pubblici locali con rilevanza economica pubblicassero sul proprio sito internet una relazione illustrativa della conformità delle gestioni esistenti ai moduli delineati dall’ordinamento comunitario. in caso contrario, l’affidamento sarebbe cessato alla data del 31 dicembre 2013. Continua a leggere

News n.10 del 15 gennaio 2014

NEWS DEL GAUDENS N-10

Sommario Attualità: Alcune news – OLIVERI Lo “strapotere delle burocrazie ministeriali” di cui vaneggia Renzi, dunque, è frutto esattamente delle scelte dei politici, che nominano i super dirigenti strapotenti….Corte dei Conti sezioni autonomie, con parere n. 26/2013 depositato  in data 30 dicembre 2013 affronta nuovamente il tema dei tagli alla spesa corrente conseguente le diverse norme che si sono sviluppate a partire dal DL 78/2010 in avanti e conferma la possibilità di agire in termini complessivi, dando facoltà agli enti locali di decidere dove e quanto tagliare tra le voci oggetto di contenimento, pur garantendo il taglio complessivo frutto dell’applicazione delle singole percentuali. In altri termini, l’ente locale deve innanzitutto fare il conto di quanto deve tagliare applicando tutte le percentuali previste dal DL 78/2010, art. 5 e 6, dal DL 95/2012, dalla legge 228/2012 di stabilità 2013. Continua a leggere

La colazione del Gaudens

L’ANCI FRENA SULL’AUMENTO DELLE CITTÀ METROPOLITANE

In audizione al Senato sul Ddl Delrio il delegato Anci e sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, ha chiesto alla Commissione Affari costituzionali di sopprimere il comma corrispondente dell’articolo 2 del disegno di legge.
Due i cardini attorno ai quali si è imperniata la valutazione del Ddl Delrio da parte dell’Anci, in audizione presso la Commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama: «Semplificare la fase transitoria di istituzione delle città metropolitane, nel periodo che andrà dal prossimo giugno al prossimo ottobre, quando con la cessazione delle Province inizierà la effettiva gestione amministrativa delle città metropolitane, facendo subentrare subito il sindaco del Comune Capoluogo per avviare la gestione. Porre rimedio alle previsioni di una dilatazione delle città metropolitane, che con l’attuale testo potrebbero arrivare addirittura a 18». Continua a leggere

News n. 9 del 14 Gennaio

NEWS 01 09 Sommario Attualità: Società partecipate. La mancata pubblicazione della relazione sulla conformità alle regole Ue fa decadere gli affidamenti. L’integrazione dell’impegno originario in alcuni casi è possibile. Relativamente ad incarichi legali di difesa in giudizio dell’ente, qualora fatti successivi all’originario impegno di spesa determinino un aumento della spesa prevista inizialmente in termini non rilevanti ma ‘‘fisiologici’’, l’ente locale può non ricorrere alla procedura di riconoscimento del debito fuori bilancio ma potrà procedere ad adeguare lo stanziamento iniziale integrando l’originario impegno di spesa per garantire la copertura finanziaria della parcella professionale qualora, verificata la congruità dell’impegno originario, siano già disponibili le risorse finanziarie a tal fine necessarie, e l’acquisizione del servizio sia stata effettuata nel rispetto delle procedure contabili. Legge stabilità: norme che interessano i Piccoli Comuni ( Nota Anci) Continua a leggere

Mini IMU – Altro esempio

DA EDILTECNICO Confermata la data del 24 gennaio come termine per effettuare il pagamento della Mini IMU, vediamo di fornire alcune istruzioni per effettuare correttamente il calcolo dell’importo da versare.Ricordiamo che sono a tenuti a pagare la mini IMU tutti i proprietari di prime case ubicate nei comuni (circa 2.400, un terzo del totale) che hanno deliberato un aumento della aliquota base fissata al 4 per mille.L’importo della mini IMU è il 40% della differenza tra l’IMU calcolata con l’aliquota maggiorata del comune e l’IMU calcolata con l’aliquota base del 4 per mille. Un esempio pratico aiuta a capire la procedura. Continua a leggere

Istituzioni / sentenza su Porcellum

sentenza-consulta Fonte Sole 24 Orel – Le ragioni per le quali la Corte costituzionale ha dichiarato illegittime le attuali norme elettorali della Camera dei Deputati e del Senato nella parte in cui prevedono dei premi di maggioranza senza nel contempo prevedere una soglia minima e, con il sistema delle liste bloccate, privano “l’elettore di ogni margine di scelta dei propri rappresentanti, scelta che è totalmente rimessa ai partiti”; afferma anche che le elezioni passate, svoltesi in base alle norme dichiarate costituzionalmente illegittime, rimangono valide ed efficaci, costituendo ormai un “fatto concluso” e che la dichiarazione di incostituzionalità non intacca “gli atti che le Camere adotteranno prima che si svolgano nuove consultazioni elettorali”).