Archivi categoria: contabilità

Bilancio 2014 – Atti convegno ANCI

finan2014

notabilancio2014-04

iuc-09

notabilancio2014-03

il 21  Gennaio 2014 anci Toscana ha organizzato il tradizionale incontro formativo fra amministratori, funzionari e dirigenti, esperti della pubblica amministrazione locale sulla Finanziaria.Giunto alla XIV edizione e realizzato in collaborazione con ANCI e con il contributo di IFEL e della Regione Toscana sono state approfondite le novità in tema di provvedimenti governativi ed esaminati gli effetti sui bilanci, offrendo alle amministrazioni comunali un sostegno diretto nell’applicazione della normativa e nelle scelte di politica economica. I DOCUMENTI

MINI IMU E TARES – FAQ MINISTERO

Aggiornate FAQ_MiniIMU_e_Maggiorazione_TARES_-_20_1_2014_def       a pochi giorni dalla scadenza del 24 gennaio. Si forniscono chiarimenti in merito all’esenzione per gli alloggi sociali, per l’abitazione principale se parzialmente locata e per immobili posseduti da coniugi separti. Si precisa anche quale rendita da prendere a riferimento per il calcolo (1 gennaio 2013). Si precisa, infine, che non saranno dovute sanzioni ed interessi nel caso in cui i bollettini con il calcolo della maggiorazione TARES non arrivino in tempo per procedere al versamento. Si potrà comunque utilizzare, negli altri casi, lo strumento del ravvedimento operoso.

MINI IMU – la scadenza

 Mini Imu, ecco come pagare con modello F24 o bollettino postale

tratto da

La mini Imu può essere pagata, entro il 24 gennaio 2014, tramite modello F24 o con un bollettino postale. Di seguito proponiamo ai nostri lettori alcune informazioni utili al versamento con l’impiego dei due sistemi.
Ricordiamo che il calcolo dell’importo della mini Imu va effettuato direttamente dal contribuente. Non arriverà a casa nessun avviso o bollettino. Per leggere un esempio pratico di calcolo della mini Imu dovuta leggi il post “Calcolo mini Imu 2014: ecco come fare. Un esempio pratico”. Continua a leggere

Mini IMU – Ultimi aggiornamenti

MINI – IMU: un riepilogo dell’adempimento che scade il prossimo 24 gennaio.
Il prossimo 24 gennaio scade il termine per il versamento della cosiddetta mini-Imu per le abitazioni principali. In sostanza, il versamento riguarda le unità immobiliari  adibite  ad  abitazione  principale e ad esse equiparate – non appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 o A/9 – ed i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori  agricoli professionali. Il tributo si pagherà solo nei comuni in cui per il 2013 è stata deliberata un’aliquota per l’abitazione principale superiore allo 0,4%. Si ricorda che se nel 2013 non è stata adottata nessuna delibera bisogna attenersi a quella del 2012. Continua a leggere

Società partecipate – Parere Corte conti Liguria su limiti spesa

Deliberazione n. 1 – 2014

PARERE N. 1/2014 Corte conti Liguria su comma 557 articolo 1 della legge di stabilità le società che gestiscono servizi pubblici locali a rilevanza economica sono escluse dall’applicazione diretta dei vincoli previsti dal presente articolo. Per queste società, l’ente controllante, nell’esercizio delle prerogative e dei poteri di controllo, stabilisce modalità e applicazione dei citati vincoli assunzionali e di contenimento delle politiche retributive, che verranno adottate con propri provvedimenti>….

Mini IMU – Altro esempio

DA EDILTECNICO Confermata la data del 24 gennaio come termine per effettuare il pagamento della Mini IMU, vediamo di fornire alcune istruzioni per effettuare correttamente il calcolo dell’importo da versare.Ricordiamo che sono a tenuti a pagare la mini IMU tutti i proprietari di prime case ubicate nei comuni (circa 2.400, un terzo del totale) che hanno deliberato un aumento della aliquota base fissata al 4 per mille.L’importo della mini IMU è il 40% della differenza tra l’IMU calcolata con l’aliquota maggiorata del comune e l’IMU calcolata con l’aliquota base del 4 per mille. Un esempio pratico aiuta a capire la procedura. Continua a leggere

Tributi – Scadenze anno 2014

La legge di stabilità per l´anno 2014 (legge 27 dicembre 2013 n. 147) ha previsto:
per l´imposta unica comunale (IUC) che si compone dell´IMU, della TARI e della TASI i seguenti termini di versamento:
– per l´IMU: il 16 giugno e il 16 dicembre;
– per la TARI e la TASI: almeno due rate a scadenza semestrale i cui termini sono stabiliti da ciascun comune in maniera anche differenziata fra i due tributi. E´ prevista la possibilità del pagamento in un´unica soluzione entro il 16 giugno.
– per la cosiddetta “mini IMU”, vale a dire l´eventuale parte residuale della seconda rata dell´IMU 2013 a carico del contribuente: il prossimo 24 gennaio;
– per la maggiorazione standard della TARES: il prossimo 24 gennaio, a meno che il versamento non sia stato già effettuato entro il 2013.

Fonte:
Ministero dell’economia e delle finanze, Comunicato Stampa n. 7 del 10 gennaio 2014

 

Mini IMU – Circolare ANCI Emilia Romagna

 ANCI E.R. – Nota Mini IMU 2014 con cui si forniscono chiarimenti operativi sul versamento della c.d. “mini IMU”, previsto per il 24 gennaio 2014. Di particolare interesse le precisazioni fornite per quanto attiene il versamento minimo e l’eventuale inapplicabilità di sanzioni ed interessi nel caso di pagamento entro il 30 giugno 2014 (comma 728 L. 147/2013). ANCI ER precisa che il versamento minimo della mini IMU sarà, in assenza di norma regolamentare, 12 euro, mentre dovranno applicarsi sanzioni ed interessi in caso di ritardo, dato che il comma 728 si applica all’insufficiente versamento del saldo IMU e non all’omesso o insufficiente versamento della mini IMU. Inoltre, si sottolinea il fatto che, essendo l’obbligazione tributaria indisponibile, i Comuni non possono annullarne con delibera il versamento. ANCI ER coglie infine l’occasione per ricordare l’abolizione dell’importo minimo di 30 euro per l’iscrizione a ruolo per i tributi locali. Tuttavia, può considerarsi vigente il limite minimo di 16,53 euro previsto dall’art. 1 DPR 129/1999

Parere corte conti su applicazione art. 110

Bollettino n° 45 del 09 gennaio 2014 Contabilità
Corte dei Conti, Sezione controllo Sicilia, deliberazione SRCSIC/393/2013/PAR
Con la deliberazione n. 393/2013, la Sezione Sicilia esplicita i vincoli di natura finanziaria e contabile da osservare ai fini del ricorso all’articolo 110, comma 1, del T.U.E.L. per la copertura della figura di responsabile di servizio non dirigenziale. Continua a leggere